Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti, continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo, per maggiori informazioni e conoscere come disabilitarne l'uso consulta l'informativa estesa.

Maupan Photo

cartolina

 

Ott.2018 Ci sono foto che non esistono!
No non sono impazzito, ci sono foto che non esistono perché sono momenti/immagini che tu hai vissuto, scatti che hai immaginato, ma non sei riuscito a cogliere, a riportare a casa, o perché non sei riuscito a cogliere l’attimo o più semplicemente perché non avevi la macchina fotografica con te (oggi molto più difficile vista la qualità raggiunta dalle foto scattate dai telefonini che abbiamo sempre con noi), “foto” che anche se a fatica continuano a riaffiorare tra i tuoi ricordi, magari sollecitate proprio da altre foto scattate nella stessa occasione.
All’opposto ci sono foto che esistono ma solo per caso, per una fortuita coincidenza di tempi e di luoghi (come sopra oggi molto più numerose rispetto al passato per la grande diffusione di apparecchi, fotocamere o telefonini, che ci permettono di scattare una foto quasi in ogni momento delle nostre giornate ovunque ci troviamo), foto non volute, non pensate, ma semplicemente capitate.
Ed alla fine ci sono loro… le foto volute, ricercate con ostinazione, a volte con fatica (come la cartolina di Marzo 2017), ma che poi tornando a casa ti riempiono di gioia, perché la tua fantasia si è concretizzata, il tuo sguardo si è saziato!
Così fù per questa immagine: mi trovavo nell’Appennino Parmense ed avevo ideato un giro ad anello dove la chicca finale sarebbe stato il Lago Scuro di cui avevo letto bellissime recensioni, la giornata era stata ballerina, così ricordo che durante la gita tra una nuvola e l’altra avevo sperato di trovare un cielo sgombro almeno sul Lago Scuro, ma con mio dispiacere quando arrivai il paesaggio tutto era avvolto da una fitta nebbia; intuivo che il posto era bellissimo tra le velature della nebbia e fortunatamente mi trovavo da solo, quindi non spinto da alcuno a riprendere il cammino mi fermai ad aspettare nella speranza che il tempo si aprisse, seduto lungo la riva nel silenzio mi misi ad aspettare, ricordo ancora l’intensità di quei momenti così assoluti, così puri, ed alla fine dopo una ventina di minuti o poco più questo fu il risultato.
Buona visione con la cartolina di Ottobre di Maupanphoto.com