Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti, continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo, per maggiori informazioni e conoscere come disabilitarne l'uso consulta l'informativa estesa.

Maupan Photo
mostra fotografica "I colori del Mondo" miniaNG2 agenda
National Geographic Italia al Palazzo delle Esposizioni a Roma
12 febbraio / 1 maggio 2011

Nuova mostra di National Geographic Italia al Palazzo delle Esposizioni di Roma, un viaggio fotografico di 95 scatti realizzati dai fotografi internazionali che lavorano per il magazine.
Come spiega Guglielmo Pepe, curatore anche quest'anno della mostra: "La mostra nasce dal desiderio di illustrare come i fotografi National Geographic sono riusciti, e riescono, a interpretare la vita sul nostro pianeta facendone risaltare i colori. Attraverso i colori capiamo come vivono donne, bambini, uomini in tanti paesi vicini e lontani da noi; qual è la condizione dell'esistenza per chi deve combattere contro fame, povertà, guerra, malattia; come gli animali riescono a resistere alle trasformazioni del loro habitat; che cosa succede all'ambiente sotto i colpi dei cambiamenti climatici. Ma vediamo anche la Terra nella sua unicità, le persone in momenti felici, le altre specie nella loro fantastica diversità, la natura e la sua straordinaria bellezza."

Palazzo delle Esposizioni - Roma
Spazio Fontana, Via Milano 13
Info line 06.39967500
Ingresso libero
Orari: mar.mer.gio.dom. 10,00/20,00 - ven.sab. 10,00/22,30 - lun.chiuso

miniaFestival agenda mostra fotografica "Futurspectives"
Fotografia Festival Internazionale di Roma
24 settembre / 24 ottobre 2010

Il tema della IX edizione di FotoGrafia è Futurspectives.
La fotografia può prevedere il futuro?
A partire dal rapporto complesso e controverso tra la fotografia e il dato reale, Futurspectives propone una ricognizione sui futuri possibili: dell'uomo, della natura e della fotografia stessa; non più soltanto un modo per testimoniare ciò che è stato, la fotografia può essere anche un dispositivo per immaginare il futuro, per visualizzarlo di fronte ai nostri occhi, prefigurandolo o esorcizzandolo.

MACRO Testaccio - Roma
Piazza Orazio Giustiniani, 4
Info line 06.0608
Orari: da martedì a domenica 16,00/24,00

mostra fotografica "Alberi antichi d'Italia" miniaAlberi agenda
Palazzo Valentini - Roma
17/29 settembre 2010

Palazzo Valentini ospita, dal 17 al 29 settembre presso la Sala Stampa e la Sala Egon von Fürstenberg, una mostra fotografica sui Patriarchi italiani della Natura, in specie da frutto, dal titolo "Il tempo tra le foglie".
La mostra, a cura dell'Associazione Patriarchi della natura in Italia, è la prima del genere che si tiene a Roma e nasce dal lavoro svolto dai volontari dell'Associazione in questi ultimi anni; un lavoro meticoloso che ha portato al censimento sistematico degli alberi monumentali dell'Emilia-Romagna, nella raccolta di migliaia di segnalazioni documentate da tutto il Paese (8mila) e alla creazione a Forlì di un vivaio nel quale sono state piantate le talee dei più significativi Patriarchi sparsi per l'Italia.
In questa esposizione di Palazzo Valentini sono esposte circa 70 immagini fotografiche di altrettanti alberi secolari o plurisecolari che documentano la bellezza di questi antenati dei nostri boschi, frutteti, vigneti, oliveti e la loro preziosa biodiversità; vengono esposti anche frutti che rappresentano autentiche rarità.

Palazzo Valentini - Roma
Sala Egon von Fürstenberg
Via IV Novembre 119/A
Ingresso Libero
Orari: lunedì/venerdì 10/19; sabato 10/13; Domenica chiuso

miniaSella agenda mostra fotografica "Sulle tracce dei ghiacciai"
1909-2009 Un secolo di cambiamenti climatici sui ghiacciai del Karakorum
24 febbraio / 1 aprile 2010

La mostra offre un confronto a cento anni di distanza tra fotografie storiche e moderne dei ghiacciai del Karakorum, sensibili indicatori dei cambiamenti climatici in atto sul nostro pianeta. Le immagini mostrano i risultati della prima spedizione del progetto fotografico–scientifico “Sulle Tracce dei Ghiacciai” avvenuta nel 2009, in occasione del centesimo anniversario della spedizione del Duca degli Abruzzi tra le montagne del K2 in Karakorum. Fabiano Ventura ha ripercorso insieme ad un team di ricercatori le tracce dei primi fotografi–esploratori del ‘900, per rieffettuare gli stessi scatti del passato e per svolgere misurazioni scientifiche sul campo.
Associate alle immagini moderne, realizzate da Fabiano Ventura, vengono esposte quelle storiche in bianco e nero, realizzate ad inizio secolo da Vittorio Sella e Massimo Terzano, che parteciparono alle più importanti spedizioni esplorative italiane della regione.
La mostra vuole sensibilizzare l'opinione pubblica verso una maggiore attenzione alle problematiche dell'ambiente, dei cambiamenti climatici e della gestione sostenibile delle risorse naturali in genere, prima tra tutte l'acqua.

Sala Santa Rita - Roma
Via Montanara 8 (ad. P.za Campitelli)
Info line 06.0606
Ingresso libero
Orari: da martedì a sabato 10,00/18,00

mostra fotografica "Il nostro Mondo" miniaNG agenda
National Geographic Italia al Palazzo delle Esposizioni a Roma
6 febbraio / 2 maggio 2010

Si è aperta al Palazzo delle Esposizioni di Roma una mostra fotografica stupenda, da non perdere; è il terzo appuntamento organizzato da National Geographic Italia in questa sede dopo le precedenti "Acqua, Aria, Fuoco, Terra" e "Madre Terra".
L'attuale mostra, a cura di Guglielmo Pepe direttore del magazine, si pone l'obiettivo di raccontare la condizione umana sul nostro pianeta; un viaggio fra le popolazioni che lo occupano alla scoperta delle differenze e similitudini, un viaggio fra intensi volti e le più disparate situazioni della società umana.
Un percorso in quattro tappe: uomini, bambini, donne e genti, attraverso 91 immagini inedite per la rivista, scelte fra 48 fotografi che lavorano per National Geographic.

Palazzo delle Esposizioni - Roma
Spazio Fontana, Via Milano 13
Info line 06.39967500
Ingresso libero
Orari: mar.mer.gio.dom. 10,00/20,00 - ven.sab. 10,00/22,30 - lun.chiuso

"Maupan Photo"
Nascita di un archivio fotografico on line
febbraio 2010

A volte mi chiedo se tornando indietro mi ributterei in questa avventura: costruire un sito fotografico con archivio consultabile on-line; anche se la motivazione che mi ha spinto a farlo era ed è ben chiara e salda, cioè far scoprire la bellezza del paesaggio naturale e sensibilizzare sull'importanza di preservarlo e riavvicinarsi ad esso, mai e poi mai avrei immaginato il tempo che gli avrei dovuto dedicare e le difficoltà che avrei incontrato.
Il fatto è che credo che per un fotografo il proprio sito sia un biglietto da visita assai più importante rispetto ad altre categorie, perché ancor prima delle sue fotografie è immediata espressione del suo stile e cura dell'immagine; se parti da questo presupposto non puoi accontentarti dei molti programmi offerti dal mercato, questi anche se facilitano di molto la creazione di un sito lo fanno a discapito del prodotto finale, quasi sempre basilare, poco o per nulla plasmabile sulle tue idee ed esigenze; mentre se ti rivolgi a professionisti del settore, oltre a disporre di somme considerevoli, non è comunque facile trovare persone capaci di comprendere e adattarsi alle tue idee.
Allora ti metti in gioco, cerchi di farti aiutare dagli amici, e ti ritrovi in un mondo di scatole cinesi, dove ogni cosa rimanda a qualcos' altro e non riesci mai a vedere la fine!
Ma vai avanti e pian piano il progetto prende corpo, disegni i primi bozzetti, scegli e cerchi di conoscere gli strumenti (il software) che reputi più adatto, fai i primi di una lunga serie di errori e passi le giornate a capire perché quell'oggetto si posiziona "lì" mentre dovrebbe stare in tutt'altro posto; poi realizzate le prime pagine statiche ti inizi a confrontare con la programmazione: un nuovo bel muro, specie per chi come me in fondo voleva "solo" fare il fotografo.
Ti rendi conto che non è il tuo ruolo e cerchi nuovamente la competenza altrui, altri piccoli passi e l'archivio inizia a funzionare, allora compri il sospirato "dominio" e ti sporgi, come dall'ultimo piano di un altissimo grattacielo, sull'immenso WORLD WIDE WEB, mentre il sito accoglie i suoi primi visitatori (tutti amici a cui l'hai detto, ovviamente!).
In questo momento ti accorgi che nonostante tanti sforzi il tuo sito è solo poco più di un indirizzo su una sconfinata e immateriale rete digitale, è un "poco" che ti fa contento, ma ne sarà valsa la pena?

clip agenda