Questo sito utilizza dei cookie tecnici e analitici prima parte, continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo, per maggiori informazioni e conoscere come disabilitarne l'uso consulta l'informativa estesa.

Maupan Photo

Informativa estesa

cartolina

 

Cartolina Gen.2022 Merletti di luce...in ricordo di Dora
Credo che sia una sensazione comune a molti: quando la sveglia suona di buon ora in previsione della nostra gita in montagna, il primo sforzo che dobbiamo fare è quello di vincere la “forza lettifera”, quella che ci spinge a rimanere al caldo sotto le coperte o comunque placidamente adagiati tra le lenzuola, in fondo nessuno ci obbliga o ci paga per sobbarcarsi un lungo viaggio in auto per andare a fare una gita in qualche posto sperduto tra i monti, e poi a casa si sa ci sarebbero sempre tante cose da fare!
E devo dire che questa sensazione ce l’ho sempre avuta, anche i primi tempi quando c’era sicuramente più entusiamo per un’attività nuova che stavo scoprendo a poco a poco, e a volte mi chiedo come cavolo ho fatto in quella data occasione a svegliarmi così presto e a fare così tanti chilometri in un solo giorno per fare quella gita.
E la cosa buffa è che con il passare del tempo sono sempre più cosciente del tesoro immenso che la natura mi regala ogni volta che esco a camminare tra i monti, nel paesaggio naturale, di quella energia che mi dona ed alimenta la ricerca di bellezza della mia anima, quasi le donasse quel respiro che il mio corpo di carne non le può dare, e che non riesce a trovare tra le mura di casa per quanto accoglienti; eppure, eppure la forza lettifera è sempre lì, immune a questa coscienza, ai tanti bei ricordi che si associano a queste sveglie mattiniere; ho capito che non posso sconfiggerla, che dovrò continuare a conviverci.
Negli anni però mi son fatto un alleato, sono le mie foto, ho sempre detto che una bella foto è molto di più della rappresentazione di un momento, è una finestra aperta ad un paesaggio pià grande di quello che mostra, perché apre la strada alla nostra immaginazione, apre la strada ai nostri desideri, a volte anche a quei bisogni che coscientemente non sappiamo di avere, è un biglietto gratuito ad uno spettacolo affascinante che per quanto si replichi è sempre nuovo.
Ecco allora che al di là dei piacevoli ricordi che associo a questa foto e che possono condividere con me gli amici che parteciparono a quella gita, spero tanto che questa immagine riesca ad emanarvi quella luce speciale che riscalda l’animo, che libera la fantasia, che scardina le porte in cui a volte la sofferenza e le difficoltà rinchiudono il nostro sguardo, la stessa luce che a volte abbiamo la fortuna di ritrovare sui volti di persone molto speciali.
Buona visione con la cartolina di Gennaio su Maupanphoto.com